Ho parlato qualche tempo fa della recente ricostruzione virtuale in 3D dello studiolo di Isabella d’Este in Palazzo Ducale a Mantova; ricostruzione in cui mi ero già cimentato anch’io, seppur con la tecnica del fotoritocco.
Essendo da sempre l’informatica applicata all’ambito umanistico uno dei miei cavalli di battaglia, non è strano che in questo periodo mi stia avvicinando a mia volta all’uso di fotogrammetria e ricostruzione virtuale in 3D proprio in relazione alla fruizione e allo studio dei beni culturali.
Però lo studio può avere anche un aspetto più leggero. Ad esempio, come sarebbe stata di profilo la marchesa di Mantova – sempre lei –  ritratta da Tiziano? (E sorvoliamo qui un attimo sugli aspetti più strettamente da storia dell’arte inerenti i ritratti isabelliani).
Ebbene, basta applicare alcune delle tecnologie di cui sopra al dipinto in questione e togliersi la curiosità.

 


Per motivi tecnici il modello è presentato a bassa risoluzione.

 

Ad ogni modo, se volete, possiamo sempre visitare assieme lo studiolo originale in Palazzo Ducale: basta scrivermi.

Il volto in 3D di Isabella d’Este