Mostra retrospettiva di Edoardo Beltrami nel centenario della nascita

La storia di Edoardo Beltrami è quella di un artista che abbraccia la pittura a cominciare dai primi anni Cinquanta, benché appartato dai cenacoli e dai gruppi artistici mantovani. Ma, nonostante la solitaria riservatezza, un artista autentico, sempre legato con

I simboli di spiritualità di Alessandro Docci

Alessandro Docci può ancora essere definito artista figurativo. Un artista figurativo che però reinterpreta le forme, lasciando correre la fantasia: un po’ come si fa quando si leggono i contorni di animali nelle nuvole o quando si iniziano a trovare

Guardando all’Urss. Realismo socialista in Italia dal mito al mercato

Un’occasione unica per tornare a riflettere sulle affinità elettive o le divergenze culturali e linguistiche, passando per le opere di artisti italiani come Guttuso, Purificato, Sughi, Turcato, Astrologo, Attardi, Castellani, Trombadori e molti altri e quelle dei sovietici che dal

Gonzaga. I volti della storia

Il fasto della famiglia Gonzaga e la grande stagione artistica che la vide protagonista sono rivisitati attraverso circa cento opere databili dal ‘500 al ‘700, di cui una sessantina formata da soli dipinti, e poi ancora genealogie, armi, monete e

Ai Weiwei: il giardino incantato

L’arte di Ai Weiwei a confronto con il Rinascimento italiano di Palazzo Te. È Il Giardino Incantato, mostra-evento che porterà a Mantova, dal 7 marzo al 6 giugno, 46 opere inedite dell’artista cinese, realizzate per l’occasione. La rassegna espone anche

Joan Miró. L’impulso creativo

L’esposizione presenta una selezione di 53 opere realizzate dal 1966, tra cui olii di grandi dimensioni e di sorprendente bellezza, arazzi coloratissimi ma anche terracotte, bronzi, disegni, oltre alla ricostruzione degli studi Sert e Son Bote, luoghi nei quali Miró

Diario di famiglia: opere di Edoardo, Nerio e Bruno Beltrami

Edoardo Beltrami è pittore completo che spazia con grande tecnica dalla natura morta al ritratto, al paesaggio, con una sapiente e costante ricerca cromatica a cogliere la luce tenue e mai nitida del paesaggio mantovano e spesso l’essenza di una

Intorno a Cima

Giovanni Battista Cima, più noto come Cima da Conegliano (1460-1518), è tra i più rilevanti pittori del rinascimento veneziano, al quale ha contribuito con un raffinato classicismo, permeato di struggente dolcezza. Apprezzatissimo già in vita, oggi le sue opere sono

Avanguardie russe

Dal cubofuturismo al suprematismo, la mostra presenta 61 opere inedite tra dipinti ad olio, lavori su carta, porcellane e libretti «Zaum». La rassegna offre l’opportunità straordinaria di poter ammirare un nucleo pressoché inedito di opere – provenienti da collezioni private

Amore e Psiche. La favola dell’anima

Opere archeologiche e artistiche dislocate negli spazi della residenza gonzaghesca accompagneranno il visitatore alla riscoperta dell’antichissimo mito di Amore e Psiche, ripreso da Apuleio nel II secolo d.C. La mostra si basa sull’interpretazione del mito in chiave neoplatonica che venne

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Il sito usa cookie forniti da Google Analytics. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi