Bardone – Vita di Anselmo

La convulsa e tumultuosa guerra di potere tra Papato e Impero dell’XI secolo, nota come lotta per le investiture, ha lasciato alla storia episodi leggendari, come l’incontro e la penitenza di Canossa, e figure indelebili, quali l’integerrimo papa Gregorio VII

Luigi Rodomonte Gonzaga – Il mestiere delle armi

Luigi Gonzaga, detto Rodomonte per la sua forza prodigiosa, generalmente noto per essere il padre di Vespasiano, il costruttore di Sabbioneta, fu condottiero di prim’ordine e partecipò da protagonista al Sacco di Roma nel 1527. Ma fu anche poeta che,

Giulio Piccini – Epistolario di Arlecchino

Tristano Martinelli da Mantova (1557-1630) fu l’inventore del personaggio di Arlecchino, nonché il suo primo e più noto interprete; al punto da essere noto ovunque in Europa solamente come Arlecchino. Di Arlecchino l’umorista e poligrafo toscano Giulio Piccini, detto Jarro,

Publio Filippo Mantovano – Formicone

“La comedia per el subiecto, compositione e recitanti fu bellina, et serìa stata onorevole in una sala grande apparata”. Con queste parole Isabella d’Este testimonia la nascita della commedia regolare in lingua italiana. È il 12 novembre 1503 e a

Ferdinando Mozzi de Capitani – Studi su Matilde di Canossa

Il saggio di Mozzi de Capitani, pubblicato per la prima volta a Venezia nel 1845 e qui riproposto in versione anastatica, ha il grande merito di trattare in modo rigorosamente annalistico informazioni provenienti da numerose fonti storiografiche e letterarie, spesso

Diego Furgeri e Marco Rebuzzi – Eros. Amori e passioni al tempo dei Gonzaga

Il libro offre una raccolta di testimonianze dirette dell’epoca su inganni perpetrati agli amati, su sentimenti piegati dalla ragion di stato alla convenienza politica, su stragi dettate dalla gelosia, su corpi usati come merce di scambio per favori politici, su

Leone de’ Sommi – Teatro

Leone de’ Sommi, esponente di spicco della fiorente comunità ebraica mantovana del ‘500, legato da preziosi rapporti con la corte dei Gonzaga, interamente dedito al teatro, è stato prolifico commediografo in italiano ed ebraico, regista, scenografo, coreografo, forse attore e,

Isaia Visentini – Fiabe mantovane

Tornano, dopo quasi mezzo secolo dall’ultima edizione, le fiabe mantovane raccolte a fine Ottocento da un giovane professore di liceo arrivato a Mantova da Padova, Isaia Visentini, con la passione per il folclore popolare. 50 storie gustose che costituiscono un

Roberto Brunelli – Passeggiando in piazza Sordello. Dietro le quinte della storia di Mantova

Una città come Mantova, protagonista di un romanzo lungo almeno venticinque secoli, non si finisce mai di conoscerla. Per cogliere qualcosa di quello che sulla città suggeriscono i “segni” della piazza maggiore, può aiutare quanto si troverà nelle pagine di

Giulio Romano e Federico II Gonzaga – Carteggio

Conti, materiali, muratori, intoppi… Il carteggio tra Giulio Romano e Federico II Gonzaga è importante, di un’importanza che sta nel mostrare la concreta quotidianità – la nuda umanità, potremmo anche dire – di nomi che i libri di storia e

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Il sito usa cookie forniti da Google Analytics. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi